cuzzole siciliane
Cuzzole siciliane, la pasta di pane fritta

Le cuzzole in Sicilia si mangiavano spesso, erano i tempi in cui  il pane si faceva sempre a casa…
In provincia di Messina si chiama pastedda, o cudduruni, in altre città cuzzole, o semplicemente pane fritto.
Si tratta della comunissima pasta del pane che viene tagliata e fritta per essere mangiata calda in svariati modi.
Quando le massaie facevano il pane in casa, almeno una volta a settimana, avanzava sempre un po’ di pasta cruda che non trovava spazio nel forno a legna. Ovviamente non si buttava nulla e così si cominciò a friggere la pasta dando vita ad un antipasto mobido e gustoso da mangiare da solo o farcito.
Oggi poche persone preparano il pane a casa ma creare l’impasto perfetto per le cuzzole siciliane è davvero un gioco, ecco gli ingredienti:

  • 500 g di semola
  • 250 g di acqua circa
  • mezzo panetto di lievito di birra (circa 12,5 g)
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • sale q.b.
  • un filo di olio d’oliva
  • olio per friggere

Prepariamo le cuzzole siciliane

Disponete in una ciotola la farina a fontana e versate al centro un po’ di acqua tiepida in cui avrete sciolto il lievito con lo zucchero. Cominciate ad impastare, unite il sale e man mano il resto dell’acqua, potrebbe servirne di meno o di più, regolatevi per ottenere un impasto sodo. Se risulta appiccicoso aggiungete un filo di olio e impastate energicamente fin quando sarà liscio. Coprite la ciotola e fate lievitare fino al raddoppio. Ci vorrà circa un’ora e mezza.

Trascorso questo tempo prendete l’impasto e allungatelo delicatamente, ricavatene dei bastoncini e tuffateli in una padella dai bordi alti con abbondante olio per friggere. L’olio non dovrà essere caldissimo; girateli da tutti i lati finchè non saranno dorati, poi asciugateli su carta assorbente.
Potete mangiare le cuzzole siciliane spolverizzate con pochissimo sale oppure insieme a formaggi e salumi.
I bambini adoreranno la versione dolce: prendete i bastoncini di pasta fritta ancora caldi e passateli nello zucchero, saranno anche un’ottima merenda.

Segui CiboDoc su Facebook, clicca qui, per vedere novità ed eventi legati al cibo, idee e ricette.
Taggaci sulle tue foto Instagram e usa #cibodoc, i piatti più belli saranno condivisi su tutti i nostri social

 

Condividi

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

error: