Il vice sindaco di Mirto eletto nel consiglio nazionale della Città del Bio

I prodotti di eccellenza di Mirto e il vino Barbera d’Asti DOCG Aleramo hanno arricchito l’Assemblea nazionale dell’Associazione Città del Bio che si è svolta a Torino. Continua a leggere…

Il suino nero e la provola dei Nebrodi con olio bio di minuta, tutti presidi Slow Food, delle aziende agricole agricole di Mirto (la Paisanella e Nebros) sono stati apprezzati da giornalisti, operatori ed amministratori che hanno visitato lo stand delle Città del Bio all’interno del Parco Valentino, a conclusione dell’assemblea Nazionale dell’Associazione. Un sodalizio che unisce oltre 250 Comuni e Regioni che condividono la scelta di promuovere l’agricoltura biologica, intesa sia come modello colturale che come progetto culturale.

Una giornata che si è conclusa con l’elezione di alcuni componenti del Consiglio Nazionale delle Città del Bio, dove Mirto sarà rappresentato dal Vice Sindaco Luigi Ialuna.

“Un incarico importante – ha dichiarato il neo consigliere Ialuna – e per certi versi inaspettato perchè Mirto soltanto da pochi mesi è diventato socio, ma che mi vedrà impegnato da subito nel sostenere la costituzione di un Bio-Distretto nel territorio dei Nebrodi con l’utilizzo del Marchio “Italia del Bio”, registrato e protetto a livello internazionale, di proprietà di Città del Bio”.

Mirto insieme ad altri Comuni siciliani avranno un ruolo importante in questa fase per promuovere i Bio Distretti in Sicilia e la cultura del Territorio inteso come spazio abitato da una comunità con la sua identità ed i suoi saperi e le attività economiche legate al mondo dell’agricoltura. Vedi l’intervista a Antonio Ferrentino Presidente dell’Associazione Citta del Bio.

L’Associazione ha già promosso a livello nazionale, come soggetto attuatore e con importanti risultati, la costituzione dei BioDistretti del Suol D’Aleramo e Terre del Giarolo, territori prevalentemente agricoli in cui si valorizza l’agricoltura sostenibile, la tutela dell’ambiente e del paesaggio, la cultura locale e un turismo di qualità.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook: facebook.com/cibodoc

Condividi

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

error: