Le paste di mandorle, dolcetti della tradizione siciliana e non solo

In Sicilia tra le tante specialità dolciarie vi sono le paste di mandorle…

(altro…)
Aglio, le proprietà per combattere le infezioni

Un nuovo studio rivela le proprietà dell’aglio per combattere le infezioni. Continua a leggere…

(altro…)

Pasta con pesto di fave e pancetta

Le fave sono legumi conosciuti dall’antichità e avvolti da un velo di mistero.
Se oggi le consumiamo tutto l’anno, fresche in primavera o secche durante le altre stagioni, consapevoli delle loro numerose proprietà benefiche, in passato è stato persino proibito di toccarle.

Secondo gli antichi Greci, le fave mettevano in comunicazione il mondo dei vivi con quello dei morti.
Una leggenda narra che lo stesso Pitagora, avvallando questa tesi, preferì farsi catturare dai suoi assassini piuttosto che scappare attraverso un campo di fave per cercare salvezza. Non potevano essere mangiate ed era preferibile starne lontano.
Anche per i Romani le fave simboleggiavano le anime dei morti e per questo venivano utilizzate in rituali scaramantici.

Per fortuna le superstizioni sono solo un ricordo lontano e le fave oggi sono apprezzate per un basso apporto calorico a fronte di interessanti valori nutrizionali.
La cucina contadina è ricca di ricette semplici a base di fave, definite “la carne dei poveri”.
Ma quella che proponiamo adesso è una ricetta molto sfiziosa che trasforma questi legumi in un pesto cremoso e saporito, accompagnato alla pancetta per condire un’ottima pasta.

Gli ingredienti che occorrono per preparare il pesto di fave sono:

  • 600 g di fave sgusciate
  • 80 g di pecorino
  • 25 g di pinoli
  • 8 foglie piccole di menta
  • 1 spicchio di aglio
  • 60 g di olio di oliva

Gli altri ingredienti necessari per 4 persone sono:

  • 350 g di pasta
  • 100 g di pancetta
  • sale q.b.

Come si prepara la pasta con pesto di fave e pancetta

Iniziate sgranando le fave. E’ sempre bene che siano fresche e tenere per poter godere della loro dolcezza. Lavatele e lasciate cuocere per soli 3 minuti in acqua bollente salata. Quindi tiratele fuori e immergetele subito in acqua fredda, sia per bloccare la cottura, sia per preservare il loro verde brillante.

Adesso sarà un’operazione semplice privarli della loro pellicina e non resta che unirli agli altri ingredienti del pesto.
In un mixer versate le fave, il pecorino, l’olio, l’aglio sbucciato, i pinoli, e la menta precedentemente lavata.
Frullate per ottenere un pesto omogeneo e liscio.

Potete adesso occuparvi della pasta. Scegliete il formato che preferite, lungo o corto. Mentre la pasta cuoce andrete a rosolare la pancetta a cubetti o listarelle con un filo di olio.
A cottura quasi ultimata scolate pasta ricordando di tenere da parte un bicchiere di acqua.

Versatela nella padella con la pancetta e lasciate che si insaporisca per un minuto. Poi unite cucchiaiate di pesto di fave e acqua di cottura quanto basta per ottenere una pasta cremosa e ben condita.

Ecco pronto il vostro piatto saporito e profumato. Servitelo caldo e magari decorate il piatto con altre foglioline di menta, bun appetito!

Viticoltura. Una ricerca sul recupero del genetico dei vitigni autoctoni siciliani

E’ stata presentata a Palermo una ricerca sul recupero del genetico dei vitigni autoctoni siciliani. Continua a leggere…

(altro…)

Le proprietà della verza: depura le vie respiratorie ed è un toccasana per la pelle

La verza o cavolo verza è un ortaggio che depura le vie respiratorie ed è un toccasana per la pelle. Continua a leggere…

(altro…)

Fragole
Le fragole, uno dei frutti più golosi della primavera

La primavera è la stagione del frutto rosso. Scopri le proprietà delle fragole. Continua a leggere …

(altro…)

Crostata morbida alla frutta

Se qualche tempo fa il dolce casalingo più apprezzato e di successo era la classica crostata di frutta, oggi un dolce simile ma ancora più facile da realizzare è spesso protagonista delle nostre tavole.
Si tratta della crostata morbida, che rispetto a quella fatta di pasta frolla, ne riprende la forma e le decorazioni, ma diverse sono la consistenza e la modalità di preparazione.

La crostata morbida è un dolce da farcire con creme e mousse, e perfetto da abbinare alla frutta fresca. La peculiarità risiede nella morbidezza dell’impasto e nell’utilizzo di uno “stampo furbo” che gli conferisce una scanalatura in grado di creare un incavo perfetto da riempire.

Inoltre è un dolce che permette di realizzare decorazioni meravigliose utilizzando la frutta di stagione. Risulta quindi colorato, fresco, e adatto non solo alle tavole imbandite a festa, ma anche ad una sana merenda.

Per realizzare una crostata morbida utilizzando uno stampo da 28-30 cm occorrono:

  • 200 g di farina
  • 2 uova
  • 90 g di zucchero
  • 80 g di olio di semi
  • 100 ml di latte
  • mezza bustina di lievito per dolci
  • buccia di un limone o vaniglia

Iniziate lavorando le uova con le fruste elettriche e poi unite lo zucchero continuando a sbattere per almeno 10 minuti, fino ad ottenere un composto molto chiaro e spumoso.
Proseguite aggiungendo l’olio a filo e lavorando con la frusta a mano per non smontare.

Adesso incorporate a poco a poco la farina setacciata alternandola con il latte. Manca solo la buccia di limone grattugiata per aromatizzare, e infine il lievito.
Trasferite il tutto in uno stampo furbo precedentemente imburrato e infarinato, livellate e fate cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti.

Nel frattempo preparate la crema pasticcera

Misurate 500 ml di latte e usatene una piccola quantità per sciogliere 40 g di amido di grano all’interno di una pentola. Unite due tuorli di uovo, 70 g di zucchero e mescolate per togliere eventuali grumi. Utilizzate anche qui la buccia di un limone per dare profumo, unite il restante latte e spostatevi sul fuoco per portare ad ebollizione mescolando di continuo.
Quando la crema sarà pronta versatela in una ciotola e copritela con della pellicola a contatto.

A questo punto la crostata sarà cotta, rovesciate lo stampo su un piatto facendo in modo che la scanalatura sia rivolta verso l’alto.
Utilizzate una bagna a piacere per renderla più umida. Può essere uno sciroppo di acqua e zucchero, un liquore, o del limoncello diluito.
Versate la crema sulla crostata livellandola bene e infine preparate la frutta necessaria a guarnire.

Abbinate colori diversi per un effetto più spettacolare. In questo caso abbiamo scelto kiwi, fragole, banane e nespole.
Tagliate la frutta a fettine o a spicchi, e decorate secondo la vostra fantasia.
Non appena completate questo lavoro spennellate tutto con della gelatina, in questo modo la frutta si conserverà perfettamente senza annerire e regalando un piacevole riflesso lucido.

La vostra crostata morbida di frutta sarà pronta da gustare dopo qualche ora di riposo in frigo, e certamente vi permetterà di portare a tavola una nota di allegria e di dolcezza.

Polenta con pomodorini e scalogno
Una ricetta perfetta per l’inverno, una pietanza economica, genuina, gustosa e molto sostanziosa: la polenta. Continua a leggere…

(altro…)

La cannella può aiutare ad attaccare il grasso e combattere l’obesità

Secondo uno studio americano la cannella ha la proprietà di attaccare il grasso e combattere l’obesità. Continua  a leggere…

(altro…)

Le Zucche, ortaggi dalle straordinarie proprietà spesso sottovalutate

Non solo teste vuote per Hallowen ma le zucche sono ortaggi con proprietà spesso sottovalutate. Continua a leggere…

(altro…)

error: