Frati fritti, dolci morbidissimi

I Frati fritti sono dolci morbidissimi, amati da tutti…

Il Carnevale è una delle feste più amate e attese dell’anno. L’allegria delle sue maschere e la vivacità dei colori cattura l’attenzione dei più piccoli, ma anche gli adulti apprezzano un aspetto caratteristico di questo periodo: la possibilità di abbandonarsi ai piaceri della tavola.

Si sa che Carnevale è sinonimo di grasso e fritto. Non solo primi piatti e secondi particolarmente ricchi di grassi, ma anche i dolci tipici di ogni regione, rigorosamente fritti e zuccherini, simboleggiano il significato di questa festa e in particolar modo del martedì grasso: gli ultimi peccati di gola prima della Quaresima.

Frati Fritti, tra le ricette del carnevale più amate

Sono tantissime le ricette tradizionali del carnevale, soprattutto quelle dolci, e la loro popolarità è talmente diffusa da abbattere limiti e confini. Al di là delle origini, ovunque in Italia si gustano frappe, chiacchiere, castagnole, zeppole, frittelle di ogni tipo, ciambelline. Anche in Sicilia la contaminazione è ben accolta, e accanto ai dolci della tradizione, come la famosa pignolata o le cassatelle e i ravioli dolci di ricotta…ci si accinge a preparare qualsiasi bontà, purchè faccia felice i bambini.

Allora spazio ad un dolce tipico della Sardegna, ma presente ormai in ogni famiglia italiana, nei bar e nelle pasticcerie, i frati fritti!
Li vediamo preparare tra poco con un impasto particolarmente morbido e soffice, e un incredibile profumo agrumato.

Gli ingredienti che servono per circa 13 frati fritti sono:

  • 500 g di farina 00
  • 2 uova
  • 250 ml di latte
  • 50 g di zucchero
  • 50 g di burro
  • 8 g di lievito di birra fresco
  • buccia grattugiata di 1 limone e 1 arancia
  • vaniglia
  • un pizzico di sale
  • olio di semi per friggere

Come si preparano i frati fritti

Disponete la farina a fontana e al centro mettete il lievito di birra per scioglierlo con una parte del latte previsto, tiepido, e lo zucchero. Unite le uova, la vaniglia, la buccia del limone e dell’arancia, e un pizzico di sale. Impastate incorporando man mano il latte rimasto e infine il burro morbido.

Otterrete un impasto molto morbido e appiccoso, per questo è preferibile utilizzare una planetaria. Se procedete a mano potete aiutarvi con delle spatole. Lavoratelo qualche minuto su un piano poco infarinato e poi rimettetelo nella ciotola dove lieviterà per almeno 2 o 3 ore, nel forno spento ma con luce accesa. Il tepore del forno lo aiuterà a triplicare il suo volume.

Trascorso il tempo necessario prelevate un cucchiaio abbondante di impasto per volta. Lasciatelo cadere su della farina per renderlo meno appiccicoso. Lavoratelo per ottenere una sfera liscia, mettete un dito al centro e fatelo ruotare per creare il tipico foro dei frati fritti.
Disponete le ciambelline distanti tra loro su una teglia foderata di carta e spostatele nuovamente in forno per la seconda lievitazione.

Dopo un’ora le ciambelle saranno raddoppiate e si potrà procedere con la frittura.
Scaldate abbondante olio in una padella e con delle forbici tagliate la carta attorno ad ogni ciambellina, per poterle mettere in padella senza toccarle.

Friggete poche ciambelle per volta, da entrambi i lati, fino a raggiungere la doratura desiderata, appoggiatele quindi su carta assorbente per scaricare l’olio in eccesso, e infine passatele ancora calde nello zucchero semolato.

Gustate subito i frati fritti per apprezzarne il magnifico profumo e la morbidezza. Riproduzione riservata

Condividi

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

error: