Lo chef Antonio Di Maggio, dalla Sicilia in Olanda

Qualche anno fa lascia la sua cittadina, Tusa in Sicilia, e si reca ad Amsterdam per un lavoro da fotografo. Oggi, in Olanda, Antonio fa lo chef e ha un ristorante che porta il suo nome.  Continua a leggere…

La storia dello chef siciliano è originale e merita di essere raccontata. Originario di Tusa, piccolo comune siciliano del messinese, Antonio Di Maggio per anni ha svolto l’attività di fotografo. Una passione che lo ha accompagnato sin da piccolo assieme al suo amore per la buona cucina.

Nel 2004, in cerca di un futuro occupazionale migliore, lascia la sua città natale, Tusa (Messina), per cercare fortuna, come tanti altri siciliani, in Olanda.

Qui cerca di svolgere la sua professione di fotografo ma presto Antonio si accorge di avere maggiori opportunità lavorative nel settore del “food”.

Inizia a lavorare in risorante italiano e dopo qualche tempo diventa chef. Da qualche anno ad Amsterdam lo chef siciliano gestisce il ristorante “Casa Di Maggio, Italiana food… and more“, un ristorante con cucina tipica italiana e siciliana. Qui gli italiani si sentono a casa.

Le telecamere dell’emittente televisiva OndaTv con il giornalista Franco Perdichizzi, conduttore del programma “Tutto In“, si sono recate in Olanda per incontrare  lo chef siciliano. Vedi il video con l’intervista…

Una storia, quella dello chef Antonio Di Maggio, che mette in evidenza un’altra sfida vinta da uno dei tanti siciliani che hanno lasciato la Sicilia in cerca di un lavoro. Un successo anche per la cucina italiana e siciliana, apprezzata in tutto il mondo.

Grazie alla “Casa Di Maggio” un piccolo pezzo d’Italia è presente ad Amsterdam… Entrando in questo locale si è circondati da prodotti tipici italiani e sembra di essere davvero in Italia.

Gli amanti della cucina italiana e siciliana in Olanda possono gustare i piatti dello chef siciliano Di Maggio al seguente indirizzo: Surinamestraat 40, 1058 GK Amsterdam.

Segui CiboDOC.it anche su Facebook mettendo “mi piace” alla Pagina: CLICCA QUI

Condividi

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

error: