brioche col tuppo siciliana
La brioche col tuppo siciliana

La brioche col tuppo siciliana sostituisce egregiamente il cornetto a colazione ed è indispensabile per gustare la vera granita siciliana…

Sono tanti i prodotti dolciari siciliani famosi nel mondo, alcuni capolavori di pasticceria con creme ricche e corpose, ma anche i dolci da forno sanno conquistare il palato di chi li assaggia. E tra questi possiamo citare la famosissima bioche col tuppo. Un aspetto modesto ma accattivante, un tuppo, o cappello, che ricorda uno chignon, e un impasto leggero, morbido e soffice.
Se in altre regioni d’Italia la colazione si fa con il classico cornetto, in Sicilia la giornata inizia spesso con una calda bioche col tuppo da tuffare nella granita, mentre nei pomeriggi si può gustare farcita di gelato.
Chi non teme l’attesa dei lunghi tempi di lievitazione può cimentarsi nella preparazione della brioche a casa, i risultati faranno invidia ai migliori bar!

Ingredienti:

  • 500 g di farina manitoba
  • 2 uova intere
  • 170 g di latte
  • 60 g di burro
  • 90 g di zucchero
  • 2 pizzichi di sale (circa 3 g)
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di miele
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 bustina di vanillina
  • la buccia grattugiata di un’arancia edi un limone
  • 1 uovo e un goccio di latte per spennellare

Come preparare la brioche col tuppo siciliana

Sciogliete in un po’ di latte tiepido il lievito e a parte anche lo zafferano.
In una ciotola capiente disponete la farina a fontana, versate al centro il latte, lo zucchero, le uova, la vanillina e cominciate ad impastare. Aggiungete quindi il sale, la buccia grattugiata del limone e dell’arancia, il miele e solo alla fine il burro morbido, da incorporare a poco a poco. Impastate a lungo energicamente fino ad ottenere un impasto elastico, liscio e sodo. Coprite con della pellicola e riponete la ciotola in forno spento con un pentolino di acqua calda per far lievitare circa 2 ore.

Il volume dell’impasto dovrà raddoppiare; a quel punto riprendetelo e ricavatene circa 10 parti da 80 g e altrettante da 15 g, le più piccole saranno i tuppi delle brioches.
Lavorate con le mani le palline di impasto per farle diventare tonde e liscie, sistemate le più grandi su una placca da forno rivestita di carta, avendo cura di distanziarle l’una dall’altra, e create al centro di ognuna una piccola incavatura in cui alloggerete le palline piccole.

Adesso spennellate tutto con un uovo sbattuto insieme al latte e rimettete in forno spento per lievitare ancora una volta fino al raddoppio.
Trascorso questo tempo spennellate nuovamente le vostre bioches, riscaldate il forno e fate cuocere per circa 12 o 15 minuti a 180 gradi. Le brioches saranno lucide e dorate, una volta cotte potranno raffreddare disposte su una gratella, e poi essere consumate subito o conservate in freezer.
Oltre a gustarle con una fresca granita o farcite di gelato, provatele anche calde con un velo di marmellata o crema di nocciole, non vi deluderanno.

Segui CiboDoc sulla pagina Facebook, cliccaqui, per scoprire altre ricette, idee, novità e curiosità legate al cibo.
Taggaci sulle tue foto Instagram e usa #cibodoc, i piatti più belli saranno selezionati e condivisi su tutti i nostri social.

Condividi

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

error: