Crema di limoncello, vellutata e profumata

E’ abitudine di molti completare il pasto con un buon liquore. Che si tratti di un cenone impegnativo e pesante, o di una semplice pizza con gli amici, chiudere con un liquore significa gustare qualcosa di aromatico e dare un aiuto alla digestione.
E se un liquore fresco e profumato si potesse preparare a casa?
In realtà è semplicissimo, e gli ingredienti più amati e utilizzati sono i limoni.

Super profumato, dorato e facilmente reperibile, il limone è già protagonista del famoso liquore “limoncello”, ma gli amanti delle bevande liquorose più corpose saranno ben felici di realizzare a casa la Crema di limoncello. Quest’ultima ha una consistenza setosa e vellutata che si presta ad essere sorseggiata freschissima a fine pasto oppure da sola, magari durante la pausa pomeridiana di una giornata afosa.

La scelta dei limoni è importante, intanto per il loro grado di maturazione. Scegliete frutti dalla buccia di un bel giallo e senza imperfezioni. Ma soprattutto accertatevi che siano biologici.
Detto questo, andiamo a vedere gli ingredienti necessari alla preparazione della crema di limoncello:

  • 10 grossi limoni bio
  • 1 litro di alcol puro 95°
  • 2 litri di latte intero
  • 500 ml di panna fresca
  • 1,5 kg di zucchero bianco

Procedimento

Una volta procurati i limoni lavateli accuratamente sotto acqua corrente e asciugateli con un panno pulito. Sbucciateli facendo molta attenzione a non tagliare la parte bianca del frutto che darebbe un retrogusto amaro. A tal fine, è preferibile usare un pelaverdure, ma va bene un coltello se siete bravi e scrupolosi.

Riponete adesso le bucce ottenute in un contenitore di vetro con chiusura ermetica e versate al suo interno anche l’alcol. Chiudete bene, scuotete il barattolo e sistematelo in un luogo asciutto e al riparo dalla luce per due settimane.
Durante questo tempo abbiate cura di smuovere il vostro liquido, senza mai aprirlo, almeno una volta al giorno.

Dopo due settimane l’alcol sarà riuscito a prendere tutto il buon profumo e il colore dei limoni. Potete quindi concludere la preparazione della crema.
Vi basterà versare dentro una pentola capiente il latte, la panna e lo zucchero. Spostatevi sul fuoco e, a fiamma media, mescolate continuamente per sciogliere bene lo zucchero e portate ad ebollizione. Alla comparsa delle prime bolle spegnete e lasciate rafreddare completamente.

Filtrate l’alcol utilizzando un colino a maglie strette. Per sicurezza potete avvalervi anche di un pezzo di stoffa pulita. In questo modo toglierete dall’alcol tutti i residui di buccia. Unitelo quindi al latte e alla panna già freddi. Mescolate per qualche minuto per amalgamare tutti i liquidi.

Pronti per imbottigliare la crema di limoncello?

A questo punto il più del lavoro è fatto. Non vi resta che riempire con la crema ottenuta le bottiglie di vetro sterilizzate. Non riempitele però fino all’orlo! Lasciate liberi 3 dita di bottiglia, questo per evitare che nel freezer possa scoppiare.
La crema di limoncello infatti va conservata nel freezer e bevuta molto fresca. La presenza dell’alcol non la farà ghiacciare ma sarà cremosa e densa al punto giusto. Aspettate almeno due settimane, o meglio ancora un mese, prima di gustarla. Quando è arrivato finalmente il momento di servirla lasciatela fuori dal freezer per un paio di minuti, scuotete la bottiglia e versate nel bicchierino. Si sprigionerà subito un piacevolissimo profumo di limoni!

Condividi

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web

error: